www.archive-net-2013.com » NET » A » AAEWEB

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".

    Archived pages: 317 . Archive date: 2013-11.

  • Title: AAE
    Descriptive info: .. Per la cura e il mantenimento in cattività.. degli animali esotici da compagnia.. Benvenuti!.. L AAE si occupa degli animali esotici tenuti come pet nelle nostre case, per migliorarne le condizioni di vita e di.. gestione.. In questo sito troverete informazioni sull Associazione, le date degli incontri, le schede sugli animali esotici, articoli su salute e gestione, offerte di adozione, foto e link.. Oggi, insieme al crescente riconoscimento dell importanza dei diritti umani c è una maggior consapevolezza a livello mondiale della necessità di proteggere non solo l ambiente, ma anche gli animali e i loro diritti.. Ovunque c è una mente, ci sono sensazioni quali dolore, piacere e gioia.. Nessun essere senziente vuole il dolore, invece tutti vogliono la felicità.. Poiché tutti condividiamo queste sensazioni ad un livello di base, noi come esseri umani razionali abbiamo l obbligo di contribuire in ogni modo possibile alla felicità delle altre specie e di tentare del nostro meglio per alleviare le loro paure e le loro sofferenze.. Dalai Lama.. Avviso importante.. Attenti alle frodi.. contro AAE e il traffico di animali.. Perché animali esotici ?.. Cosa intendiamo per animali esotici?.. La spiegazione dell'uso di questo termine.. P.. erché tante specie di animali esotici non andrebbero acquistate.. Scopo della AAE è di diffondere informazione sulla gestione di tante specie esotiche, ma ciò non significa che ne sostiene e incoraggia la detenzione e l'acquisto.. Leggete perché.. Perché non pubblichiamo annunci di vendita di animali.. Siamo.. contrari alla compravendita.. di animali, ma incoraggiamo.. l'adozione.. di animali abbandonati.. Petizione al Governo.. Contro lo sfruttamento fiscale degli animali da compagnia.. ANAGRAFE CONIGLI.. Informati sulla possibilità di iscrivere il tuo coniglio all'anagrafe e registrarlo con il microchip per:.. garantire la veloce restituzione dei conigli smarriti ai legittimi proprietari.. conoscere la consistenza e la distribuzione della popolazione cunicola.. prevenire e combattere il fenomeno dell'abbandono.. riconoscere il  ...   scheda su.. Salamandra salamandra.. AAE collabora con LA FATTORIA DEGLI ANIMALI.. Siamo spiacenti, ma non possiamo fornire consigli veterinari o rispondere a domande su diagnosi o trattamenti, senza eccezioni.. Dovete sempre consultare il vostro veterinario.. PROGETTO SALVATAGGIO ANFIBI.. Informazioni.. ADOZIONE TARTARUGHE.. Si prega di non inviare richieste di adozioni di tartarughe terrestri.. Non possiamo accontentare alcuna richiesta.. L.. e tartarughe terrestri sono regolamentate da norme molto severe, non possono essere liberamente cedute.. CAMPAGNA PER LA PROMOZIONE.. DEL VEGETARISMO.. PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE.. SE AMI GLI ANIMALI,.. NON MANGIARLI!.. CAMPAGNA.. Io passo a veg!.. CAMPAGNA CONTRO.. L'ABBANDONO DELLE TARTARUGHE.. Pensiamoci prima.. per non abbandonarle poi.. FIRMA LA PETIZIONE CONTRO I RESPINGITORI METALLICI PER PICCIONI.. Questa campagna ha lo scopo di richiedere il divieto di utilizzo e vendita dei respingitori ad aghi metallici, quelli che vengono spesso usati per impedire che i piccioni si posino su balconi, cornicioni, muretti, o altro.. Salvali!.. Firma la petizione per evitare che vengano uccisi!.. Molti pensano che siano innocui, che servano solo a tener lontani i volatili, ma invece feriscono i colombi che vi si posano, che poi muoiono in una lenta agonia.. I respingitori sintetici a punte arrotondate, invece, non fanno danni agli animali, li allontanano e basta: questa campagna chiede dunque che vengano vietati i respingitori metallici e che vengano usati solo quelli innocui sintetici.. Pengo Life Project.. rogetto no profit per la tutela e l'adozione di Elefanti e Rinoceronti orfani nello stato del Kenia in collaborazione con.. AAE Associazione Animali Esotici.. Avete un animale esotico che non potete più tenere?.. Non abbandonatelo,.. contattaci.. per farlo adottare!!.. Home.. Schede.. Articoli.. Adozioni.. Annunci.. Galleria.. Iscrizioni.. Contattaci.. Link.. AAE.. C.. onigli.. avie.. AAE Piccoli Roditori.. AAE Furetti.. AAE Uccelli.. AAE Tartarughe.. Associazione Animali Esotici ONLUS.. Fax: 02 700429894 C.. F.. : 90008800261 - P.. IVA: 04256080260.. e-mail:.. webm.. @.. aaeweb.. net.. Webmistress.. :.. Marta Avanzi..

    Original link path: /
    Open archive

  • Title:
    Descriptive info: Vuoi diventare volontario di AAE Furetti?.. Leggi come puoi impegnarti in prima persona o dare un contributo per aiutare i furetti.. Leggete le storie dei furetti che hanno trovato una nuova casa grazie ai volontari AAE.. per farlo adottare.. LE ATTIVITA' DI QUESTA SEZIONE SONO AL MOMENTO SOSPESE PER MOTIVI ORGANIZZATIVI.. E' nata AAE Furetti, una sezione dell'Associazione Animali Esotici specificatamente dedicata a questi animali.. In questa pagina troverete i collegamenti e le informazioni sulle attività dell'AAE dedicate al furetto.. Questo spazio é interamente dedicato ai furetti, al loro benessere e alle persone che se ne prendono cura.. Leggete le informazioni per allevare e nutrire correttamente il furetto, assicurargli una vita lunga e sana ed evitare tanti comuni errori.. Informatevi su quali sono i giochi adatti, come rendere la casa a prova di furetto e quali sono le malattie principali.. La sterilizzazione è una procedura indispensabile nel furetto, ma può avere importanti effetti collaterali.. Oggi esiste una promettente alternativa, che comporta gli stessi benefici della sterilizzazione chirurgica senza effetti collaterali negativi.. Leggi le ultime novità sulla.. STERILIZZAZIONE CHIMICA.. Applicare il microchip è una procedura semplice che permette di ritrovare il proprietario dei furetti che vengono trovati smarriti.. Le inserzioni che si trovano in  ...   telefono di AAE Furetti.. E' gestito da una catena di volontari che collaborano ad ogni situazione di emergenza che coinvolga furetti.. 346 3197367.. Si prega di evitare contatti telefonici prima delle 19.. 30, se non per situazioni di estrema necessità.. ATTENZIONE.. Raccomandiamo di diffidare di qualunque contatto mail che non abbia come account:.. nome@aaeconigli.. e.. nome@aaecavie.. it,.. (gli unici che comprovano posta autorizzata da volontari della nostra associazione e di nostra fiducia).. Solleviamo qualunque responsabilità per i contenuti di altri indirizzi.. per i quali smentiamo qualunque vincolo di collaborazione con AAE-Onlus.. (essendo di libera creazione delle singole persone che scrivono senza alcuna autorizzazione ad attivarsi in nome e per conto di AAE Onlus).. Lo stesso vale per qualsiasi versamento in denaro effettuato con modalità diverse rispetto a bonifici su conto corrente intestato AAE Onlus e per adozioni non correlate di.. moduli su carta intestata e numero di protocollo ben visibile.. Si prega di darci tempestiva comunicazione per contatti di soggetti che si qualificano volontari AAE - Onlus, ma che non rispettino i requisiti di cui sopra.. Grazie per la collaborazione.. Associazione Animali Esotici.. ONLUS.. Via L.. Crico, 164 - 31050 Fossalunga - Vedelago (TV) - Fax: 02 700429894.. © 2010 webmistress Marta Avanzi..

    Original link path: /sezione_furetti/index_furetti.htm
    Open archive

  • Title: AAE NUTRIE
    Descriptive info: Da dove viene la nutria, come vive, cosa mangia? Eccovi le informazioni essenziali su questo roditore: storia, biologia, ecologia e altro ancora.. Le nutrie attaccano l'uomo, causano danni, portano malattie? Scoprite è vero, e quanto ne sapete su questi animali.. Le nutrie non sono tenute come pet (anche se possono essere addomesticate), ma sono a tutti gli effetti  ...   pregiudizi infondati, la AAE ha deciso di aprire una sezione dedicata a loro, nella speranza di evitare a questi intelligenti animali inutili sofferenze.. Su queste pagine troverete moltissime informazioni per conoscerle, capirle e rispettarle.. Questa sezione è sviluppata in collaborazione con l'Associazione.. MIFA.. - Missione Fauna Selvatica e Ambiente.. Articoli sulla situazione legislativa, il problema delle tane, ecc..

    Original link path: /sezione_nutrie/index_nutrie.htm
    Open archive

  • Title: AVVISO IMPORTANTE
    Descriptive info: Avete un animale esotico che non potete più tenere? Non abbandonatelo,.. AVVISO IMPORTANTE.. L'Associazione Animali Esotici Onlus, riscontrate alcune irregolarità su cui si stanno svolgendo opportune indagini, segnalano ufficialmente che tutti gli animali presi in carico e fatti adottare sono da sempre schedati all'interno ed ogni spostamento viene gestito con la sottoscrizione di appositi moduli, su carta intestata e protocollati con numero progressivi e firmati in originale, preventivamente inviati via fax, senza il quale non viene autorizzato alcun cambio di domicilio, se non in rari casi di particolare gravità,comunque sempre tempestivamente regolarizzati, con le suddette formalità.. Tutte le richieste provenienti da privati, sia di cessione che di adozione o affido, vengono gestite da volontari che devono operare sempre e solo mediante gli indirizzi mail ufficiali delle associazioni:.. ,.. nome@aaefuretti.. Le offerte in denaro, infine, devono pervenire sempre ed esclusivamente sul conto corrente ufficiale.. intestato all'Associazione Animali Esotici Onlus.. Invitiamo pertanto:.. - tutti  ...   denaro in modalità diverse dal bonifico su conto corrente ufficiale, intestato sempre e solo ad AAE Onlus;.. a segnalarci tempestivamente la circostanza, onde permetterci di procedere.. nelle opportune sedi.. Solleviamo qualunque responsabilità per attività che non ottemperino alle modalità sovra citate.. Assecondare attività che si presentino diverse da quelle appena descritte e non riconducibili ad operatori ufficialmente incaricati dalle Associazioni di fiducia, favorisce e fomenta un pericoloso e fraudolento sfruttamento degli animali in difficoltà,facilmente intercettabili da losche figure che si insidiano facilmente nelle reti del volontariato perseguendo finalità di puro interesse economico, e frapponendosi in modo irreversibile alle attività di recupero e salvataggio di animali abbandonati e maltrattati, di cui si perderanno facilmente le tracce.. Solo un’attenta valutazione dei contatti può aiutare i volontari a difendersi da queste numerosissime insidie, che gli utenti collegati in rete possono rendere innocui segnalando tempestivamente situazioni promiscue e collaborando ad un attento rispetto delle formalità citate..

    Original link path: /avviso_importante.htm
    Open archive

  • Title: Perché animali esotici
    Descriptive info: Il termine esotico riferito agli animali richiama alla mente immagini di specie strane o inusuali, come il camaleonte o la pantera, per cui attribuito agli animali tenuti per affezione nelle nostre case, come cavie o canarini, può essere fuorviante.. In questo termine rientrano, infatti, anche animali per noi niente affatto esotici, come il coniglio o il furetto, originari dell’Europa e allevati in Italia da millenni.. Perché allora parliamo di animali esotici?.. Questa parola ha in realtà diverse eccezioni.. Il termine esotico viene in effetti correttamente applicato a specie non autoctone dell’Italia, come pappagalli e tantissime specie di tartarughe, per fare un esempio, ma comprende anche specie, come appunto il coniglio, che non rientrano nella definizione classica di animale da compagnia (come sono per tradizione il cane e il gatto).. Il suo impiego è poi rafforzato dalla medicina veterinaria anglosassone, in cui anche coniglio e furetto sono veramente esotici , in quanto effettivamente non autoctoni.. Tutti questi animali non convenzionali nei testi di medicina veterinaria vengono comunemente definiti exotic animals.. Con animali esotici la AAE intende pertanto tutte le specie animali, legalmente detenute, presenti nelle case italiane come animali da affezione, siano esse invertebrati, pesci, anfibi, rettili, uccelli o mammiferi..  ...   vengono acquistati senza alcuna riflessione sulle loro esigenze, come moda del momento o come souvenir di viaggi in paesi esotici, dove è facile trovarli per pochi dollari.. Troppo spesso vengono comprati senza alcuna conoscenza della loro corretta gestione e delle primarie necessità indispensabili non solo ad un’esistenza dignitosa, sana e nel rispetto dell’animale, ma anche alla mera sopravvivenza fisica.. È infatti esperienza comune dei veterinari che trattano questi animali che la principale causa di malattie e morte sono gli errori di gestione e alimentazione.. La conoscenza, l’informazione, l’educazione, la tutela dei loro diritti e del loro benessere è la finalità che AAE si prefigge con questo spazio dedicato, che potrà prendersi carico di segnalazioni di animali esotici abbandonati o maltrattati, grazie a specifiche collaborazioni in grado di rispondere alle realtà di tutto il territorio nazionale, fornendo indicazioni precise sugli aspetti principali della gestione per garantire il loro benessere e la loro salute.. Sebbene la AAE non incoraggi la detenzione di tante specie animali che mal si adattano alla cattività, prende atto del fatto che, al momento, sono legalmente commercializzate, e ritiene di dover informare correttamente sull’impegno che richiede la loro detenzione e su come questi animali vadano correttamente gestiti..

    Original link path: /perch%C3%A8%20animali%20esotici.htm
    Open archive

  • Title: Animali esotici: la strage silenziosa
    Descriptive info: Animali esotici: la strage silenziosa.. Quando si pensa agli animali da compagnia da ospitare in casa, quelli che vengono in mente in genere sono il cane e il gatto.. In realtà, nelle case degli Italiani sono ospitati una varietà di animali: furetti, conigli, piccoli roditori, uccelli, rettili, anfibi e pesci.. Sono proprio questi animali da affezione “non convenzionali”, spesso definiti per comodità esotici, di cui si occupa la AAE.. Sebbene uno degli scopi principali della AAE sia fornire notizie corrette sulla gestione di questi animali, essendo la loro diffusione un dato di fatto, allo stesso tempo è fortemente contraria alla detenzione nelle case di tante specie non convenzionali o esotiche, alla loro commercializzazione e riproduzione.. Verso questi animali si compiono, infatti, palesi atti di crudeltà che vengono generalmente considerati “normali”, e che mai verrebbero tollerati verso cani e gatti.. Queste due specie godono di uno status privilegiato, che li pone un gradino (o parecchi gradini) più in alto di ogni altra specie animale.. Nessuna persona dotata di sensibilità media tollererebbe nei confronti di queste creature maltrattamenti quali lasciarli vivere perennemente rinchiusi in minuscole gabbie, nutrirli con alimenti così inadeguati da causarne malattie e morte, costringerli a lunghi viaggi in condizioni disumane per commercializzarli.. Eppure questo genere di soprusi sono totalmente ignorati, o considerati normali, quando si tratta di specie meno convenzionali, che non si immagina possano avere altrettanta sensibilità e capacità di soffrire di cani e gatti.. Facciamo alcuni esempi.. Conigli e furetti, a differenza di tanti animali esotici, sono effettivamente animali domestici, allevati da secoli o millenni, quindi si adattano bene alla convivenza con l’uomo e rappresentano meravigliosi animali da affezione e compagnia.. Tuttavia sono soggetti ad uno sfruttamento commerciale inumano.. I conigli nani riproduttori non subiscono trattamento migliore dei loro sfortunati fratelli da carne, detenuti in minuscole gabbie ed eliminati quando il loro tasso di fecondità diminuisce.. I furetti provengono da allevamenti intensivi e soggetti ad una sterilizzazione precoce che li predisporre a contrarre da adulti un tumore delle surrenali.. La principale (per non dire unica) ditta statunitense che produce furetti da compagnia è la stessa che rifornisce di questi animali i laboratori di ricerca.. Entrambe queste specie vengono vendute senza informazioni adeguate su gestione, alimentazione, vaccinazioni e cure, come accade in generale per tutte le altre specie di esotici.. I piccoli roditori (come ad esempio i criceti) “da compagnia” passano la vita in gabbia.. La cosa può apparire ovvia: nessuno potrebbe lasciarli girare liberi per casa, perché finirebbero inevitabilmente per scappare o perire in seguito a incidenti o l’attacco di predatori.. Ma a che vita sono condannati questi animaletti che, abituati in natura a percorrere ogni notte molti chilometri in cerca di cibo, si ritrovano confinati in gabbie minuscole in cui passano  ...   a un lento declino.. È un dato di fatto che la stragrande maggioranza delle malattie che i veterinari riscontrano nei rettili in cattività dipendono da errori di gestione o da maladattamento alla cattività.. Chi ritiene i rettili animali scarsamente sensibili, poco più che delle piante in vaso, sottostima grossolanamente le loro capacità di risentire della prigionia in un ambiente inadeguato.. La definizione “stress cronico” è quella che meglio indica le loro condizioni psicofisiche.. Non subiscono sorte migliore gli uccelli imprigionati nelle gabbie.. L’intelligenza e la sensibilità di questi animali è enormemente sottovalutata: basti pensare che un pappagallo cenerino ha l’intelligenza cognitiva ed emotiva di un bambino di due-tre anni.. Le esigenze psicologiche di affetto, relazioni sociali, compagnia e interazione con il “gruppo” di questi animali dalla vita sociale così evoluta raramente vengono soddisfatte quando si confina un pappagallo solitario in una gabbia.. Ne è la riprova la frequenza con cui i pappagalli manifestano patologie comportamentali, fino all’automutilazione.. Si tratti dunque di rettili, uccelli, roditori, conigli, furetti (ma non dimentichiamo anche pesci e anfibi), non riteniamoli animali meno sensibili, meno capaci di soffrire, meno degni della nostra compassione di quanto non siano cani e gatti.. Non riteniamo normale il maltrattamento costante a cui sono costretti quando sono rinchiusi in spazi angusti, sporchi, sovraffollati, o se sono alimentati in modo scorretto e nocivo.. Un ulteriore problema è quello dell’abbandono, quando questi animali diventano troppo ingombranti, troppo impegnativi, quando la novità è sfumata, quando il bambino cambia interessi, quando il terrario è diventato troppo piccolo o quando le spese veterinarie sono troppo alte, o per mille altre ragioni che portano a liberarsi senza scrupoli del povero animale, destinandolo spesso alla morte o alterando l’ecosistema.. Pertanto, non incrementiamo lo sfruttamento di questi animali acquistandoli e non facciamoli riprodurre per non aumentare il numero di quelli abbandonati, quando tanti cercano una casa che li accolga.. Non voltiamoci dall’altra parte se vediamo nei negozi conigli o iguane tenuti male o ammalati e lasciati a deperire senza cure, come non lo faremmo se vedessimo dei cuccioli malati e trascurati o rinchiusi in una gabbietta sporca.. Dobbiamo avere il coraggio di denunciare situazioni evidenti di maltrattamento anche per animali che non abbaiano o non miagolano, ma che soffrono comunque.. Non perpetuiamo questa strage silenziosa comprando animaletti graziosi, o esotici, o affascinanti, ma che non sono adatti a vivere rinchiusi nelle nostre case, e che ci arrivano a scapito di tanta sofferenza.. È necessario un cambiamento profondo e sentito della mentalità comune, perché la nostra sensibilità arrivi a considerare senza discriminazione ogni creatura senziente come degna di rispetto e compassione.. Non accettiamo per nessuna specie animale maltrattamenti che, giustamente, non tollereremmo per un cane o un gatto, e non contribuiamo a perpetuare il problema..

    Original link path: /animali_esotici.htm
    Open archive

  • Title: no compravendita
    Descriptive info: Sono moltissimi gli animali in attesa di una casa adottiva tra le nostre inserzioni e moltissimi di questi sono cuccioli, nati per sbaglio, per casualità fortuite o per mancata conoscenza della facilità con cui una coppia di animali può riprodursi.. Spesso, inoltre, veniamo avvisati di situazione molto gravi che si verificano all'interno di negozi che vendono animali, che non sanno come smaltire cucciolate troppo numerose o arrivate fuori stagione di vendita.. Nel caso specifico dei conigli siamo portavoce di una campagna a favore della sterilizzazione (anche per la prevenzione contro il carcinoma  ...   e quindi contro la loro riproduzione a scopo commerciale.. Molti animali, in particolare iguane e tartarughe d'acqua, vengono comprati quando sono molto piccoli e graziosi, ma quando hanno raggiunto la taglia adulta diventano ingombranti e aggressivi, non possono più essere gestiti in piccoli spazi e non si trovano strutture che possano accoglierli.. Per questo motivo non pubblichiamo annunci di compravendita, ma invitiamo chi vuole adottare un animale a farlo coscienziosamente, dopo aver riflettuto bene sulle responsabilità che comporta, e ad adottarne uno abbandonato anziché pagarlo, per evitare di incrementare il loro commercio..

    Original link path: /no_compravendita.htm
    Open archive

  • Title: Adozioni
    Descriptive info: PRIMA DI ADOTTARE.. LEGGI QUI.. Gli annunci sono gratuiti e vengono lasciati 3 mesi, salvo rinnovo.. Si prega di comunicare quando non servono più.. Adozione conigli.. Conigli in affido alla AAE e adozione da privati.. Adozione cavie.. Tutti gli annunci delle cavie in adozione, in affido alla AAE o a privati.. sono in.. questa pagina.. Adozione piccoli roditori.. Tutti gli annunci su criceti, ratti, topi, gerbilli, ecc.. in adozione, in affido alla AAE o a privati..  ...   Cerco piccoli animali da fattoria e uccelli.. Cerco gratuitamente animali da fattoria di piccola taglia, ed uccelli, per compagnia alle mie caprette tibetane in provincia della Spezia.. e-mail.. francesco169@libero.. Adotto animali esotici.. ho una passione grandissima per tutti gli animali esotici, dalle tartarughe ai serpenti.. ho già diversi animali ma siccome non mi manca ne il tempo né lo spazio son disposta ad adottarne altri.. per chi fosse interessato:.. Vladimira_3b@hotmail.. com.. io son Nichela di Parma..

    Original link path: /adozioni.htm
    Open archive

  • Title: Il taglio delle remiganti
    Descriptive info: IL TAGLIO DELLE REMIGANTI.. Considerazioni sulla gestione degli uccelli addomesticati con e senza l’accorciamento delle remiganti.. Dr.. Pierluca COSTA, etologo.. ssa Marta AVANZI, Medico Veterinario.. Non è facile costruire un’estesa discussione sul taglio delle remiganti negli uccelli addomesticati per limitarne il volo.. Gli uccelli sono animali vertebrati che hanno evoluto questa modalità per gli spostamenti che è prerogativa della loro classe; almeno come adattamento anotomo-funzionale, giacché conosciamo numerose specie che, per strategie evolutive, non sono in grado di volare.. Oggi, attorno a questa discussione, si sono create ideologie molto contrapposte tra loro che basano i loro costrutti essenzialmente su due assunti di base: il primo nasce dalla convinzione che il taglio delle remiganti degli uccelli domestici sia una barbara pratica e debba necessariamente essere considerata come.. maltrattamento animale.. ; la seconda, invece, basata su altri principi che legittimano quest’usanza.. Occorre non fermarsi a considerazioni superficiali e affrettate, anche se spesso fanno comodo e sollevano dall’incombenza di affrontare i problemi in modo razionale.. Noi riteniamo che sia necessario dedicare più tempo alla riflessione, soprattutto quando si tratta di temi che riguardano l’etica nell’allevamento degli animali domestici.. Il taglio delle remiganti è un termine improprio (poiché non si riferisce al risultato che si ottiene) che indica l’atto di tagliare alcune delle remiganti al fine di impedirgli di volare via.. Questa pratica è indirizzata unicamente agli uccelli allevati artificialmente dall’uomo e destinati a diventare animali.. pet.. o, meglio conosciuti in lingua italiana, come animali da compagnia.. Il taglio delle remiganti non è una scelta che riguarda soltanto il proprietario dell’animale: essa è piuttosto una scelta che deve essere compiuta in funzione delle tecniche di gestione degli uccelli addomesticati in cattività, dell’ambiente in cui vivono e del tempo che condividono con la nostra presenza.. Quando s’intende allevare un uccello addomesticato in casa (che nella fattispecie generalmente si tratta di un pappagallo) occorre necessariamente analizzare in modo approfondito che cosa comporta l’allevamento con le ali integre e l’allevamento con le remiganti accorciate.. Vediamo pro e contro di entrambi.. Se si vuole allevare, ad esempio, un pappagallo addomesticato in casa come animale da compagnia è.. condition sine qua non.. che esso sia stato allevato artificialmente dall’uomo.. In un precedente articolo è possibile comprendere quali caratteristiche comportamentali distinguono questi animali dagli altri allevati, invece, dai genitori biologici.. Questo tipo di animali necessitano obbligatoriamente di interazioni continue con il proprietario pena l’insorgenza di comportamenti patologici.. Allevare un pappagallo in casa con le ali integre è sicuramente molto appagante, sia per l’animale sia per il proprietario.. L’uccello sarà libero di spostarsi in tutta la casa con magnifiche esibizioni di volo.. Molto appagante è per l’uomo veder planare sulla propria spalla l’animale desideroso di interazioni.. Tuttavia, questo tipo di gestione presenta numerosi problemi.. Innanzi tutto una vita libera esclusivamente in appartamento non è possibile per ragioni legate alla salute dell’animale: quest’aspetto è molto importante e ogni volta ci stupiamo di come molti autorevoli autori dimostrino di trascurarlo.. Un pappagallo che vive perennemente in appartamento, seppur libero di volare, non potrà avvantaggiarsi dei benefici che l’ambiente esterno e naturale esercita sul suo organismo.. Per portare un esempio, se gli uccelli non si espongono ai raggi solari diretti (quindi non filtrati da altri materiali quali il vetro, la plastica, la stoffa.. etc.. ) avranno serie difficoltà nella sintesi della Vit.. D, indispensabile per il metabolismo del Calcio; in sua assenza è possibile che si sviluppino forme di rachitismo.. Anche la pioggia è un evento climatico che i pappagalli dimostrano di gradire.. Queste asserzioni non sono soltanto presunte: è possibile evidenziare e classificare specifici comportamenti di natura innata che gli animali manifestano appositamente per questi scopi.. Perciò, l’immediata conclusione cui si può giungere è che il felice pappagallo libero di volare ovunque, che appaga molto il nostro senso animalista, in realtà può sviluppare sofferenze se allevato sempre in locali interni.. Altro problema sono i pericoli domestici.. Se è vero che un uccello libero in casa impara velocemente a evitare strutture che possono non sorreggere il suo peso o che possono facilmente cadere al suo passaggio, è altrettanto vero che impara molto velocemente anche a servirsi di oggetti che possono alimentare la sua curiosità.. Purtroppo, però, difficilmente nelle nostre case i pappagalli potranno trovare carnosi frutti, foglie e rametti per sfogare il loro incessante temperamento curioso: spesso s’impossessano di pericolosi oggetti, come tubetti contenenti sostanze chimiche per la cosmesi, quando non detersivi e veleni.. Ancora, in casa un pappagallo può pericolosamente planare su pentole incandescenti, getti d’acqua bollenti o rodere cavi elettrici, rischiando di morire folgorato: i pappagalli sono animali notoriamente distruttivi e le conseguenze di una loro libera e incontrollata permanenza in casa possono facilmente condurli alla morte.. Bisogna poi analizzare il pericolo delle fughe.. Un pappagallo libero di volare che trova una finestra o una porta aperta difficilmente non la attraverserà.. Una volta superato il davanzale  ...   essere preferibilmente in numero di 3/4, partendo dalla prima remigante primaria più esterna.. L’accorciamento va effettuato in modo tale da recidere il calamo della penna il più vicino possibile alla radice, senza peraltro causare lesioni all’epidermide.. Un calamo che sporge circa un centimetro dall’epidermide consente di asportare quasi totalmente la remigante senza causare disfunzioni all’animale.. Infatti, se concedessimo misure più lunghe, il troncone del calamo rimanente andrebbe a sfregare sul groppone del pappagallo, causando irritazioni cutanee e, più generalmente, fastidio all’animale.. In seconda istanza bisogna tenere presente che le remiganti vanno recise in entrambe le ali.. E’ purtroppo pratica ancora diffusa tagliare le remiganti soltanto di un’ala; questo è un errore.. gravissimo.. poiché causa ansia e insicurezza all’animale che perde il controllo naturale dei movimenti, cadendo roteando su stesso ogni qualvolta intende spiccare un volo.. Questo giovane cinerino ha subito un taglio errato delle remiganti a 4 mesi di età: gli sono state tagliate solo le penne di un'ala.. In seguito a ciò l'animale, che stava imparando a volare, ha subito diverse cadute che lo hanno spaventato e stressato.. Come conseguenza ha iniziato a mutilarsi le penne del corpo (autodeplumazione da stress).. Un taglio così effettuato consente agli animali di compiere piccoli spostamenti in volo, anche in senso orizzontale ma mai di compiere voli direzionati verso l’alto, che renderebbero impossibile un loro recupero.. Le planate saranno effettuate in lunghezza, consentendo all’animale di dirigere la discesa dove meglio preferisce quindi, in sostanza, di utilizzare i propri apparati locomotori in modo naturale.. Ecco perché più sopra, si è scelto di denominare tale pratica.. limitazione del volo.. , invece che taglio delle remiganti: rispecchia meglio la finalità per cui eseguiamo questa pratica.. Alla luce di queste considerazioni risulta più idoneo allevare i pappagalli addomesticati effettuando una limitazione del volo, soprattutto per chi non possiede la giusta esperienza per gestire dei pappagalli liberi di volare.. La limitazione del volo è una tecnica di gestione dell’animale alato tanto quanto lo è il guinzaglio per il cane o le redini del cavallo; anzi, rispetto a quest’ultima è sicuramente meno traumatica.. Additare chi esegue questa pratica nel modo corretto, etologicamente e biologicamente, pecca di superficialità e dimostra di non conoscere a fondo le necessità degli uccelli addomesticati in cattività.. Inoltre questa pratica, se messa a confronto con i più conosciuti metodi di contenimento degli animali (per esempio i collari “a strozzo”, il morso per i cavalli, i generatori di corrente per spostare i bovini.. ), è innocua fisicamente e aiuta i proprietari a fornire le giuste stimolazioni comportamentali ai propri uccelli.. In questi ultimi tempi, oltre a ciò, iniziano a diventare consistenti le discussioni sul.. web.. in merito al.. volo libero.. Affine ai metodi usati in falconeria, il volo libero è la pratica di liberare gli uccelli in ampissimi spazi (boschi, campi.. ) al fine di farli volare per ridotti periodi e sotto il controllo vocale o alimentare del proprietario.. Non è necessario discutere in questo contesto di tale pratica, pur riconoscendo che questa potrebbe rivelarsi in futuro l’ideale per i nostri animali.. La tecnica del volo libero al momento non è in grado di presentare protocolli metodologici universali e tentarla equivale a correre il rischio di perdere gli animali che, non trattandosi di rapaci autoctoni, se fuggono al nostro controllo vanno incontro a morte certa.. Concludendo questo tentativo di un’analisi oggettiva sul taglio delle remiganti che, se compiuto nel modo corretto, chiameremo.. ci preme elencare ancora in modo più chiaro e riassuntivo i punti cardine del discorso.. Allevare un pappagallo addomesticato consentendogli di volare in modo naturale è la miglior scelta che un allevatore (e/o proprietario) deve effettuare, purché esso garantisca all’animale:.. ·.. protezione da tutti i pericoli che l’ambiente domestico può presentare.. impossibilità all’animale di fuggire.. beneficio tratto dalle condizioni dell’ambiente esterno (ambientali, climatiche, comportamentali.. permanenza del rapporto uomo/animale.. In caso contrario è possibile scegliere una limitazione del volo attraverso l’accorciamento delle remiganti primarie purché:.. l’accorciamento sia effettuato in modo corretto, tale da non causare sfregamenti sul groppone da parte dei calami recisi.. sia effettuato su entrambe le ali e per un numero di remiganti non superiore a 3/4 per ala.. consenta all’animale di spostarsi autonomamente compiendo piccoli voli in senso orizzontale e di planare dolcemente al suolo.. l’animale benefici di tutte le altre condizioni di carattere etologico e biologico proprie della specie d’appartenenza.. Noi ci auguriamo che il lettore abbia trovato in questo breve articolo una soddisfacente trattazione dell’argomento.. Talvolta è stato utilizzato un tono polemico per spiegare ideologie ritenute scorrette che poco hanno a che vedere con la piena conoscenza degli uccelli e della loro biologia: ci scusiamo se qualcuno dovesse sentirsi preso in causa, ma l’atteggiamento superficiale e leggero che troppi “specialisti” del settore stanno utilizzando in questi ultimi anni va in qualche modo contrastato, al fine di evitare pressioni sui nostri animali e comode strumentalizzazioni professionali..

    Original link path: /sezione_uccelli/taglio%20remiganti.htm
    Open archive

  • Title: Un nuovo vaccino per i conigli da compagnia
    Descriptive info: È finalmente disponibile un vaccino specifico per i conigli da compagnia.. Il nuovo prodotto fornisce una protezione completa sia contro la mixomatosi che la malattia emorragica (MEV) e, rispetto ai vaccini usati fino ad ora, presenta nuove e interessanti caratteristiche.. Si somministra con una sola iniezione.. Conferisce un’immunità di un anno per entrambe le malattie.. È in flacone monodose (un flaconcino singolo per ogni vaccino, con la sua etichetta da attaccare sul libretto sanitario).. Non ha adiuvanti (sostanze che servono a stimolare il sistema immunitario ma che possono dare reazioni negative).. Si somministra per via sottocutanea e non è doloroso (quello per la mixomatosi si inocula nello spessore della cute ed è più fastidioso).. Si può somministrare a partire da 5 settimane di età, e il richiamo successivo è dopo un anno (va poi ripetuto tutti gli anni).. Questo vaccino si basa su  ...   virale (che di per sé è del tutto innocuo, ma stimola il sistema immunitario a sviluppare anticorpi contro il virus stesso).. Quando questo virus della mixomatosi così modificato viene iniettato nel coniglio, si replica localmente dando luogo ad altri virus della mixomatosi innocui e anche al rivestimento del virus della MEV.. Il sistema immunitario reagisce quindi formando le difese contro entrambe le malattie, senza che l’organismo ne risenta in alcun modo.. Infatti, il virus del vaccino, privato delle sue capacità aggressive, non è in grado di diffondersi nell’organismo e resta confinato nel punto in cui è stato iniettato.. Questo nuovo vaccino non va confuso con il vaccino bivalente già in commercio, disponibile in flaconi multidose, che conferisce verso la mixomatosi un’immunità di soli 4 mesi e non è quindi pratico da utilizzare nei conigli da compagnia.. Telefono: 346.. 3197367.. - Fax: 02 700429894 C..

    Original link path: /coniglio/nuovo_vaccino_conigli.htm
    Open archive

  • Title: Il coniglio e le vacanze
    Descriptive info: Marta Avanzi, Med Vet.. Per chi ha un coniglio in casa, durante il tempo delle vacanze si pone il problema di come comportarsi con il proprio coniglio, perché non diventi un peso o un problema che non sappiamo come risolvere.. Possiamo comportarci in diversi modi: portando l’animale con noi, lasciandolo a casa con qualcuno che lo accudisca, affidandolo a qualcuno che se ne prenda cura.. Per portarlo in vacanza con noi, è necessario poterlo ospitare adeguatamente nel luogo di arrivo, tenendolo eventualmente in una grossa gabbia e lasciandolo uscire per qualche ora sotto supervisione.. Per prima cosa ci dovremo quindi informare sulla possibilità che il coniglio venga accettato nel luogo di destinazione.. La seconda considerazione riguarda il caldo: sia il viaggio che la permanenza del luogo di vacanza non devono esporre il coniglio a temperature eccessive, che questo animale non sopporta.. Oltre i 30°C i conigli rischiano, infatti, un colpo di calore.. In macchina, ad esempio, è indispensabile sia presente l’aria condizionata.. Durante il viaggio non lasciate l’abbeveratoio appeso, perché con il movimento l’acqua sgocciola fuori inzuppando il fondo.. Potete offrire l’acqua durante le soste, e lasciare a disposizione delle verdure fresche.. Il viaggio può avvenire in un trasportino per gatti, dotato di un fondo assorbente e non scivoloso, o in una grossa gabbia se si viaggia in macchina.. In caso di viaggio in aereo è indispensabile contattare in anticipo la compagnia aerea: non tutte permettono di portare con sé il coniglio in cabina, e non è assolutamente accettabile lasciarlo nel vano bagagli.. In caso di viaggi all’estero, per passare la frontiera non è obbligatorio che ai conigli venga applicato il microchip come per cani, gatti e furetti, né sono necessarie vaccinazioni, ma è richiesto un certificato di  ...   anche il libretto sanitario e il nominativo del veterinario che si occupa del coniglio, in caso di emergenza.. Il coniglio potrà essere lasciato uscire per un po’ di tempo dalla gabbia, purché ciò avvenga in una stanza sicura, “a prova di coniglio”, dove non vi siano pericoli come cavi elettrici che possono essere rosicchiati o mobili che il coniglio può rovinare.. Se si affida il coniglio a una persona che lo porterà a casa con sé valgono le stesse raccomandazioni.. Il coniglio, se alloggiato in una grossa gabbia che è abituato ad utilizzare, e lasciato libero di tanto in tanto in una stanza sicura, non soffrirà troppo del cambio di ambiente.. Il nuovo ospite va tenuto in una stanza tranquilla, dove eventuali bambini, o animali come cani, gatti o furetti non lo disturbino.. Anche in questo caso, la persona a cui affidate il coniglio dovrà avere pratica nella gestione di questo tipo di animale, in caso contrario sarà bene dargli istruzioni molto dettagliate, anche per iscritto.. Le pensioni per cani non sono una soluzione consigliabile: la presenza di tanti predatori potenziali potrebbe terrorizzare la povera bestiola.. Inoltre, difficilmente chi gestisce queste pensioni sa come trattare e alimentare correttamente i conigli.. Ovviamente, in nessun caso è accettabile pensare di abbandonare un animale perché si deve partire per le vacanze.. Si tratterebbe di un atto crudele e incivile, oltre che un reato penale.. Le nostre vacanze non devono diventare una scusa per liberarci di una creatura diventata “improvvisamente” un ingombro.. Prima di comprare o adottare un animale, di qualunque specie, è necessario valutare se possiamo prendercene cura in modo appropriato per tutta la durata della sua vita, che nel caso del coniglio può superare i 10 anni, se ben accudito..

    Original link path: /coniglio/coniglio_e_vacanze.htm
    Open archive


  • Archived pages: 317